Home : Calcio Napoli : E alla fine arriva Politano. L’ex Sassuolo gela l’Udinese di De Paul e fa godere il Napoli. Top e flop al San Paolo

E alla fine arriva Politano. L’ex Sassuolo gela l’Udinese di De Paul e fa godere il Napoli. Top e flop al San Paolo

Ha ragione il suo allenatore: il Napoli è forte e può stare in alto. Stavolta fino alla fine. Nella gara tra due delle squadre più in forma del campionato i padroni di casa passano 2-1 e lo fanno nel modo più incredibile. De Paul porta avanti l’Udinese al minuto 22, la zampata vincente di Arek Milik appena subentrato al dolorante Mertens ristabilisce una parziale parità (anche giusta) che al fotofinish dà ragione ai padroni del tempio di Fuorigrotta: la risolve un tiro immaginifico di Matteo Politano, al primo centro in campionato in maglia napoletana. Zero timori reverenziali e aggressione immediata anche al cospetto del fortissimo undici di Rino Gattuso, per la compagine friulana trascinata da un ottimo Rodrigo De Paul, a più riprese accostato agli azzurri e autore del gol dell’illusorio vantaggio Udinese. Team ospite che mastica amaro dopo una gara attenta. Il Napoli si conferma fabbrica del gol, solo l’Inter (18) ha mandato in gol più giocatori diversi del Napoli in questa Serie A (16). Udinese beffata, ma Napoli che non muore mai.

E alla fine arriva Politano. L’ex Sassuolo gela l’Udinese di De Paul e fa godere il Napoli. Top e flop al San Paolo

 

NAPOLI (4-3-3): Ospina 6.5: si oppone bene agli attacchi friulani, poco può sulla conclusione velenosa (e leggermente deviata) di De Paul.

Hysaj 6: lotta e polmoni con i dirimpettai udinesi, sui quali non è impeccabile in occasione del gol. Da lui parte l’azione che dà il la alla rete di Politano.

Manolas 5.5: Gattuso si riaffida all’ex Roma, che alterna momenti di grande attenzione a strafalcioni improponibili a questi livelli (deve ringraziare Ospina).

Koulibaly 6.5: ricompone la coppia che tanto ha fatto gongolare il tifo azzurro con il greco Manolas, è lui a fare la parte del leone. Salva i suoi deviando sul palo un tiro velenosissimo dalle parti di Ospina.

Mario Rui 6: morde chi passa e corre in soccorso dell’attacco assistendo i suoi con grande impegno.

Fabian 6.5: meno brillante nella ripresa, ma è intenso, generoso, tutto per la causa. Assiste Milik nell’occasione del pari azzurro (81° Allan sv)

Lobotka 6.5: copre le spalle al Napoli che tenta di sfondare il guscio friulano. Ordine e dinamismo (70° Demme 5.5: non ha lo smalto dei primi mesi napoletani, ma è comunque utile quando la gara si fa rognosa),

Zielinski 6.5: un ottimo Musso e il montante alto gli negano la gioia del gol. Contro la squadra che l’ha svezzato sforna una prova dominante. (81° Elmas)

Callejon 5.5: abbastanza in ombra. Parecchi cross, diversi fuori misura, e molta imprecisione davanti a Musso (70°Politano 7: trova il gol della domenica sul fotofinish, la sua è una conclusione vale da sola il prezzo del biglietto. Peccato che lo stadio sia deserto per i motivi ormai noti, ma la gioia finale sarebbe stata bellissima con le sessantamila anime di Fuorigrotta)

Mertens 5.5: la sua partita dura relativamente poco, perché Gattuso non può privarsi del belga per troppo tempo. Un fastidio lombare potrebbe non renderlo disponibile mercoledì. Chissà che non possa essere la volta buona di vedere Lozano al centro dell’attacco del Napoli. (30° Milik 6.5: precocissimo, si fa trovare pronto all’appuntamento col gol al primo pallone toccato. Si fa anche ammonire per troppa irruenza, era diffidato e salterà la trasferta di Parma, la gara che ha visto esordire il suo allenatore)

Insigne 6: luci e ombre, pochi spunti. Solito impegno. E un’ottima assistenza, mal sfruttata, dai suoi compagni d’attacco.

All. Gattuso 6.5: ha il merito di crederci sempre, proprio come quando giocava. Come diceva uno dei suoi maestri, tal Marcello Lippi, “vincere è raramente frutto del caso. Puoi essere fortunato una volta, due, ma le vittorie sono sempre frutto di un lavoro, di un gruppo formato al quale si contribuisce come allenatore”. Ebbene, Rino è il riflesso della sua squadra, e viceversa.

UDINESE (3-5-2): Musso 6.5; Becao 6, De Maio 5.5, Nuytinck 5.5; Stryger Larsen 6, Fofana 5.5, Walace 6.5 (89° Troost Ekong sv), De Paul 7, Zeegelaar 6 (82° Ter Avest sv); Nestorovski 5, Lasagna 5.5. All. Gotti 6

foro rete

su Andrea Fiorentino

Napoletano, cronista "seriale" di sport, cultura & spettacolo, artigiano di suoni, musicista e amante della parola scritta

Leggi anche...

Il Napoli vede le streghe, ma poi ribalta la gara al Vigorito TOP E FLOP del match

Mistica sannitica. Esoterismo beneventano.  Match in famiglia tra i fratelli Lorenzo e Roberto nell’incontro del ...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi