Home : Calcio Napoli : FIFA, ci saranno delle limitazioni ai prestiti internazionali e uno stop a trasferte all’estero. Il dato

FIFA, ci saranno delle limitazioni ai prestiti internazionali e uno stop a trasferte all’estero. Il dato

Il massimo organo internazionale ha comunicato limitazioni relative ai prestiti internazionali dei giocatori di età pari o superiore ai 22 anni. Si scenderà da un massimo di 8 calciatori tra entrate e uscite (stagione 2020/21) a 6 entro il 2022/23. Ci sono anche importanti novità sui calciatori under e sulle partite nazionali disputate all’estero.

FIFA, ci saranno delle limitazioni ai prestiti internazionali e uno stop a trasferte all’estero. Il dato

La riunione della FIFA in Svizzera, ha deciso così:

Limite ai prestiti internazionali – Dalla prossima sessione di mercato (luglio 2020) saranno limitati ad un massimo di 8 calciatori tra entrate e uscite i prestiti internazionali. Si fa riferimento ai giocatori di età pari o superiore a 22 anni. Successivamente il numero scenderà a 6 entro la stagione 2022/23 con un massimo di tre prestiti in entrata e uscita tra gli stessi club. La FIFA concederà tre anni alle Federazioni per adottare le stesse regole anche nelle competizioni nazionali. Si tratta di nuove norme promosse dal Comitato per garantire uno scopo sportivo utile nella formazione dei giovani. Come detto, il limite non riguarderà invece i giovanissimi Under-22 bensì i giocatori di età uguale (22 anni) o superiore ceduti a titolo temporaneo per alleggerire le rose dei club. La FIFA fa riferimento ai prestiti senza distinguere tra quelli con diritto oppure obbligo di riscatto, ipotesi che spinge quindi a considerarli sullo stesso piano. La nuova disposizione porterà dunque ad un numero maggiore di acquisti e cessioni definitive.

Fondo per indennità di formazione – “I prestiti devono avere una valida ragione sportiva per lo sviluppo dei giovani”, recita il comunicato della FIFA che proprio in materia dei baby calciatori ha deciso un’ulteriore novità. Istituito un fondo per finanziare l’indennità di formazione con una tassa dell’1% sulle commissioni di trasferimento. L’obiettivo è quello di incoraggiare e ricompensare gli sforzi dei club assicurando che i compensi per la formazione di un giocatore siano effettivamente pagati attraverso la nuova FIFA Clearing House. “Cosa che spesso non è possibile”, ha puntualizzato la FIFA nella propria comunicazione.

Incontri nazionali nel proprio Paese. Stop alle trasferte all’estero – Si fa riferimento alle partite con richiamo internazionale di un Paese (ad esempio la finale di Super Coppa o Coppa Italia) che dovrebbero svolgersi sempre sul territorio nazionale. Non si tratta ancora di una disposizione ufficiale, tuttavia i regolamenti in materia saranno sottoposti al Consiglio FIFA.

foto: rete internet

WebNapoli24 – testata giornalistica online – Aut. Tribunale di Nola N. 8 del 23.05.2013 – Direttore Responsabile Vincenzo Rea
Editore: Associazione GioVe – C.F. 95124650631 – Iscrizione al ROC n° 33149

su Floriana Messina

Leggi anche...

Napoli bruttino con l’AZ: buono solo il risultato. Ospina e il Rijeka blindano il primato nel girone

Il Napoli fa un passo indietro rispetto alla vittoria di domenica scorsa contro la Roma ...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi