Home : Calcio Napoli : Il Napoli fa harakiri, Juric ne approfitta e fa 30 (con lode) TOP e FLOP al Bentegodi

Il Napoli fa harakiri, Juric ne approfitta e fa 30 (con lode) TOP e FLOP al Bentegodi

C’era dunque un ultimo impegno da incastonare in un girone d’andata memorabile, come una gemma in un diadema: vincere contro il Napoli e sfatare un fastidioso tabù sulla carriera da allenatore di Juric. Proprio quel Napoli che da tempo insegue Mattia Zaccagni, il rubino più lucente del tesoro del bravissimo tecnico croato (a proposito di materiali luminescenti) e dal destino segnato a giugno. Con il Napoli l’occasione è duplice: accrescere ulteriormente il bottino di un girone già da record e corroborare la tesi di coloro che sostengono che l’Hellas sia “l’ammazza-grandi” del campionato. Tra le big di Serie A, infatti, soltanto l’Inter è riuscita ad aver ragione del plotone scaligero. Non solo contro Gattuso, ma anche contro il Napoli, Juric è alla ricerca della prima gioia. Contro gli azzurri lo score del croato è pessimo, ora un po’ meno. Un pareggio ottenuto in sei partite (Genoa-Napoli 0-0 21 settembre 2016), poi solo sconfitte, con solamente tre reti realizzate dalle sue squadre ai partenopei. Da quando è a Verona per lui sono arrivate due sconfitte per 2-0 contro gli azzurri. Il Napoli era bello che avvisato: occorreva radunare tutte le energie e smaltire al più presto la delusione della Supercoppa per evitare sgambetti indesiderati. Lozano è il fiammifero della speranza (suo il gol più veloce della storia azzurra, con 8 secondi e 95 centesimi), la squadra di Juric la sentenza a chi ultimamente campa di improvvisazione e rischia uno sfacelo totale. Gli scaligeri non solo hanno dimostrato una gran condizione fisica, ma anche un’ottima tenuta mentale: capaci di reagire al gol del messicano, Zaccagni e compagni hanno prima pareggiato con Dimarco e trovato le due reti decisive con l’ex udinese Barak e con lo stesso 20 che tanto piace agli azzurri. Hellas Verona fa 30 (con lode), Napoli che non aggancia la zona Champions rimanendo a 34 punti, con la partita contro la Juventus da recuperare: ancora una volta irriconoscibile il gruppo azzurro, totalmente incapace di reagire alle sberle avversarie ed ormai in crisi di gioco e risultati da troppo tempo.

VERONA (3-4-2-1): Silvestri 7; Dawidowicz 6.5, Günter 6 (76′ Lovato 6.5), Dimarco 6.5 (56′ Magnani 6); Faraoni 6.5, Tameze 6.5, Ilic 7, Lazovic 7; Barak 7.5, Zaccagni 8 (83′ Bessa sv); Kalinic 5.5 (56′ Di Carmine 5,5). All. Juric 8

NAPOLI (4-2-3-1): Meret 5.5; Di Lorenzo 5, Maksimovic 4, Koulibaly 5, Hysaj 5; Demme 6 (65′ Politano 5.5), Bakayoko 4 (83′ Lobotka sv); Lozano 6, Zielinski 5 (83′ Elmas sv), Insigne 4.5 (59′ Mertens 5); Petagna 5 (65′ Osimhen 5). All. Gattuso 4.

foto: ANSA/EMANUELE PENNACCHIO

su Andrea Fiorentino

Napoletano, cronista "seriale" di sport, cultura & spettacolo, artigiano di suoni, musicista e amante della parola scritta

Leggi anche...

Chiesa è spaziale, Dybala una sentenza. Azzurri propositivi ma poco cinici TOP E FLOP allo Stadium di Torino

In un campionato fatto di frammenti di vita che fa emergere l’origine del tifo, le ...

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi