Home : Calcio Napoli : Juventus-Napoli 3-1: gli azzurri cadono allo Stadium tra le polemiche arbitrali. Bianconeri a +6

Juventus-Napoli 3-1: gli azzurri cadono allo Stadium tra le polemiche arbitrali. Bianconeri a +6

Nel secondo anticipo della settima giornata di campionato, la Juventus batte 3-1 il Napoli e si aggiudica il primo round della sfida scudetto. Tre punti fondamentali per i bianconeri che allungano in classifica a più sei dalle sue avversarie, lasciando un solco alle sue spalle. Inizio formidabile per gli uomini di Ancelotti che mettono inaspettatamente in apprensione l’intera retroguardia bianconera, pungendo alla prima vera palla gol. Calo di energie fisiche e mentali dal vantaggio di Mertens. Dal ventesimo in poi salgono in cattedra i padroni di casa, che prima rimontano poi sorpassano nel punteggio i partenopei con un pizzico di complicità del direttore di gara, Banti. L’arbitro si rende protagonista della gara, sanzionando un intervento molto dubbio di Mario Rui su Dybala. La conseguente espulsione indirizza la gara a senso unico per la Juventus, che porta a casa una vittoria fondamentale per il prosieguo del campionato.

LE FORMAZIONI

Ancelotti lancia l’inedito 4-4-2 nella super sfida dello Juventus Stadium. Ospina torna tra i pali, mentre saranno Hysaj e Mario Rui a presidiare le fasce difensive. Hamsik in cabina di regia, coadiuvato dai muscoli di Allan. Ai lati Callejon e Zielinski, mentre in avanti pronto a  sorprendere il tandem Mertens-Insigne.

JUVENTUS (4-3-3): Szczesny, Alex Sandro Chiellini Bonucci Cancelo, Matuidi Pjanic Emre Can, Mandzukic Dybala Ronaldo. All. Allegri

NAPOLI (4-4-2): Ospina, Mario Rui Albiol Koulibaly Hysaj, Zielinski Hamsik Allan Callejon, Insigne Mertens. All. Ancelotti

Primo Tempo. Inizio sorprendente per la squadra azzurra: Callejon detta i tempi di gioco e Zielisnki in corsa. Sinistro terrificante del centrocampista azzurro, ma la sfera si stampa sul palo e termina a lato. Accenni di reazione della Juve che parte col freno a mano; allora Ronaldo tenta la conclusione centrale dalla distanza. Ospina alza in angolo. Al’ 10′ azione spettacolare del Napoli; sempre il solito Allan a destreggiarsi tra le maglie bianconere, serve in profondità Callejon che deve solo accomodare al centro per il liberissimo Mertens, che deve solo accomodare per il più facile dei gol. Vantaggio azzurro all’Allianz Stadium !!! Juventus sotto shock in questo inizio di partita, il Napoli interrompe sul nascere le iniziative offensive degli avversari e riparte con il solito ritmo effervescente. Nel momento più difficile per i padroni di casa, la Juventus pareggia i conti: Ronaldo si distende sulla sinistra e dribbla un Hysaj in evidente difficoltà. Palla al centro per Mandzukic che spinge di testa in rete per l’1-1. Si risveglia improvvisamente la squadra di Allegri che al 28′ ha una clamorosa occasione addirittura per ribaltare le sorti del match. Ronaldo ha una buona opportunità dalla sua mattonella di concludere a rete, ma deve fare i conti con la reattività di Ospina: batti e ribatti in area, alla fine Hamsik spazza via su Pjanic, pronto a schiaffeggiare a rete. Ritmi compassati sul finire del primo tempo: il Napoli sembra essersi smarrito, ora soffre la pressione dei suoi avversari. Al 43′ Mario Rui, spavaldo sulla fascia sinistra si distende in avanti palla al piede, sterza sul destro e conclude di punta, ma la mira è fuori bersaglio. Parziale di 1-1 allo Stadium.

Secondo Tempo. Inizia la ripresa con la Juventus con il piede sull’acceleratore. Al 49′ Ronaldo semina il panico sulla sinistra, si accentra e conclude forte verso la porta, il palo a negargli la gioia del gol, ma la ribattuta è terra felice per Mandzukic che accomoda facilmente in rete e ribalta il risultato. E’ 2-1 per la Juventus. D’orgoglio il Napoli si riversa in attacco, che inizia ad assumere i contornanti della spettacolarità. Koulibaly prova a far male con un sinistro dal limite ma non trova il bersaglio. Al 57′ Napoli vicino al nuovo pareggio: Insigne , servito da Hamsik, prova la conclusione a giro sul quale Szczesny non è perfetto nell’intervento. La palla gli sfugge dalle mani, ma Alex Sandro è provvidenziale sulla linea a spazzare. Al 59′ episodio cruciale della gara: Dybala casca a terra sulla pressione di Mario Rui. L’arbitro ferma il gioco e sanziona l’intervento alquanto dubbio del terzino napoletano. Doppio giallo e Napoli in dieci uomini tra le polemiche. Al 61′ il primo cambio per Ancelotti: Milik prende il posto di Zielinski. In successione Malcuit per Hysaj. Al 70′ terzo e ultimo cambio: un abulico e spento Hamsik lascia il posto a Fabian Ruiz. Al 72′ clamorosa occasione per gli azzurri, più che mai vivi anche con un uomo in meno. Callejon raccoglie una delizia di Milik a limite dell’area, dribbla Bonucci ma spreca incredibilmente sul petto di Szczesny in uscita disperata. Al 76′ la Juventus mette il sigillo alla gara. Su azione d’angolo Ronaldo spizza di testa verso la porta di Ospina ma l’ultimo tocco è di Bonucci che accomoda in rete e fa 3-1. Al 83′ Ronaldo ha un’autostrada davanti a sè per dilagare ma la spreca sull’esterno della rete. La gara si avvia verso i titoli di coda con i padroni di casa a gestire il possesso palla. Finisce così il primo anticipo della settima di campionato: 3-1 per la Juventus il risultato finale.

su Marco Carlino

Leggi anche...

Occasioni a raffica, un gol a testa. Napoli, la qualificazione è rimandata

Occasioni a raffica, un gol a testa. Napoli, la qualificazione è rimandata. Lozano torna Chucky, ...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi