Home : Calcio Napoli : Napoli-Stella Rossa 3-1: gli azzurri giganteggiano sui serbi con Hamsik e Mertens sugli scudi. Liverpool sarà decisiva

Napoli-Stella Rossa 3-1: gli azzurri giganteggiano sui serbi con Hamsik e Mertens sugli scudi. Liverpool sarà decisiva

La Champions chiama, il Napoli risponde. Gli azzurri liquidano 3-1 la pratica Stella Rossa, ma per effetto della sconfitta del Liverpool in casa parigina, saranno costretti a lottare per un posto agli ottavi nella tana dei Reds, nell’ultima partita di un girone infernale. Nella gara di Liverpool ci saranno tutti i presupposti per vedere un Napoli all’altezza della situazione. E la prestazione altisonante di oggi, che regala agli azzurri il primo posto in classifica, raggiungendo quota 9 punti in classifica, dimostra che Ancelotti è portatore di una mentalità abbastanza matura per fronteggiare chiunque. E se aggiungiamo la possanza fisica di un intramontabile Allan, piuttosto che di un Hamsik in grande spolvero in fase di impostazione oppure ancora di un Mertens a cinque stelle nelle notti europee, l’impresa di Anfield può diventare realtà.

LE FORMAZIONI

Ritorna la musichetta della Champions, riecco il Napoli davanti al suo pubblico, pronto a prendersi la scena in una gara, almeno sulla carta, meno proibitiva del solito. Ma Ancelotti non si fida e lancia dall’inizio il tridente pesante, Mertens-Insigne-Callejon. Hamsik ritorva la maglia da titolare a centrocampo al fianco di Allan e Fabian Ruiz. Maksimovic dal 1′ nelle vesti di terzino destro. Di seguito i 22 ufficiali:

NAPOLI (4-3-3): Ospina, Maksimovic Albiol Koulibaly Mario Rui, Fabian Ruiz Hamsik Allan, Callejon Mertens Insigne. All. Ancelotti

STELLA ROSSA (4-2-3-1): Borjan; Simic, Babic, Degenek, Rodic, Gobeljić; Krsticic; Ben, Marin, Srnic; Stojiljkovic. All. Milojević

Primo Tempo. Fasi  di studio in campo, ma gli azzurri impiegano pochi istanti a far valere le proprie capacità. Al 7′ Mertens si divora il vantaggio con un colpo di tacco sopraffino ad un paio di centimetri dalla porta, ma Borjan ci mette il corpo e compie un autentico miracolo. Si alza il tono del San Paolo, mentre i ragazzi di Sarri trovano la via del vantaggio. Al’11’ su angolo di Mertens, spizzata di testa di Maksimovic che prolunga la traiettoria della palla nell’area piccola dove Hamsik anticipa tutti in spaccata e insacca per l’1-0 azzurro. Al 22′ c’è spazio anche per la prima occasione per gli ospiti con Simic, che imbeccato perfettamente da Rodic trova l’opposizione di Maksimovic che ci mette una pezza e salva i suoi. Al 28′ Callejon ha una nuova possibilità, nelle vesti di assistman, di mandare in porta i suoi compagni: è il turno di Koulibaly che alza alto sulla traversa, sprecando di testa una ghiotta opportunità. Momenti di grande calcio per gli azzurri che dominano nel possesso palla, senza dare alcun punto riferimento e al 33′ legittimano la netta superiorità  sul piano della qualità con un’altra azione da applausi. Fabian Ruiz trova il momento giusto per servire Mertens che di esterno destro batte Borjan e fa 2-0. Al 42′ il belga, in grande spolvero, ci prova dalla distanza; palla fuori di un soffio. Finisce dopo tre minuti di recupero la prima frazione di gioco: Napoli avanti 2-0.
Secondo Tempo. La ripresa si apre con lo stesso motivo del copione, recitato durante la prima frazione. Nel frattempo Ancelotti è costretto a rinunciare ad Albiol, infortunatosi nella prima frazione di gioco, a seguito di un contrasto poco fortuito per l’ex Real Madrid. Al suo posto Hysaj per il primo cambio della serata. Il Napoli è sempre sul pezzo e al 51′ triplica le marcature: Hamsik lancia in profondità Mertens che controlla, si coordina e infila sotto l’incrocio, firmando così la sua doppietta personale; è 3-0. Al 57′ prendono fiducia gli ospiti, sospinti da un inspirato Marin, che si inventa un sorprendente filtrante per Ben Nabohuane: movimento perfetto dell’esterno serbo ad illudere l’intervento difensivo di Mario Rui e depositare in rete il gol del 3-1. Ospiti di gran carriera, galvanizzati dal gol, mettono inaspettatamente la testa fuori dal guscio, ma le avanzate in fase offensiva non sembrano creare brividi agli azzurri.  Al 77′ fuori Insigne, dentro Zielinski. Al 79′ sale in cattedra Fabian Ruiz con un sinistro a giro pericoloso, preda di Borjan. Gara meno spettacolare in questi frangenti con il Napoli chiamato a gestire il doppio vantaggio, in attesa di buone notizie da Parigi. Ancelotti però non vuole cali di tensione e allora dentro Rog (Callejon a farne le spese) per dare più copertura a centrocampo. Gli ospiti però non vogliono farsi intimorire e vanno vicino al gol con un tiro dalla distanza del neo entrato Ebecilio. La gara volge al termine mentre Allan, autore di una gara strepitosa in fase di interdizione, prova il destro dal limite; Borjan questa volta è attento. Finisce 3-1 la gara del San Paolo, che per effetto della sconfitta del Liverpool in terra parigina, dovrà rinviare la qualificazione all’ultima giornata, contendendo il posto agli ottavi proprio ai Reds.
Foto: rete internet

su Marco Carlino

Leggi anche...

Napoli spietato, l’Inter affonda. La vendetta di K2, Mertens e Fabian imperiosi

Napoli spietato, l’Inter affonda. La vendetta di K2, Mertens e Fabian imperiosi Mercato, allenatore, terzini, ...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi