Home : Sport : Rugby : Rugby: Intervista a Matteo Francillo – Delegato Provinciale Napoli

Rugby: Intervista a Matteo Francillo – Delegato Provinciale Napoli

Continuano gli approfondimenti che vedono protagonisti i fiduciari provinciali F.I.R. del Comitato Regionale Campano. Spazio alla provincia partenopea con il cinquantunenne Delegato Matteo Francillo al suo esordio nelle vesti di dirigente regionale.

Napoletano di nascita ed attuale cittadino del capoluogo campano, Francillo si avvicina al rugby grazie al contagio del figlio che quattro anni or sono muoveva i primi passi su di un rettangolo verde con un ovale tra le mani: “In quei momenti è scoccata la scintilla che mi ha addirittura portato a voler provare quelle sensazioni, quelle emozioni che solo un gioco come il rugby può donare, e così ho indossato i calzoncini ed ho iniziato a giocare con gli Old” – esordisce il dirigente – “Mi reputo quindi un neofita ma questo non mi ha impedito di impegnarmi all’interno della società nella quale militavo divenendo consigliere della sezione rugby all’interno della Polisportiva Partenope Napoli. Oggi faccio parte del sodalizio dell’Amatori Napoli Rugby/Old Rugby Napoli”.

Dopo i primi mesi di insediamento e le riunioni programmatiche iniziali, il Delegato Provinciale di Napoli è pronto a partire per la stagione ventura con un progetto a lunga gittata: “L’azione che mi piacerebbe portare avanti nel breve e nel medio termine è una collaborazione tra le diverse società del territorio napoletano, creando sinergie positive che diano vigore ad un movimento che troppo spesso si divide” – spiega Francillo – “La Federazione con le sue ultime decisioni ha tracciato la nuova rotta mettendo al centro del movimento le società, pertanto non possiamo e non dobbiamo perdere questa occasione”.

La provincia napoletana è densamente popolata e risultati agonistici di rilievo potrebbero attirare sempre più attenzione verso il movimento secondo il delegato: “Una città come Napoli che con la cintura metropolitana conta quasi tre milioni di abitanti non può che avere orizzonti ambiziosi, riuscire a conquistare sul campo la serie A potrebbe essere un obiettivo. Ma nel contempo per raggiungere questi traguardi non si può non passare attraverso una politica infrastrutturale che aiuti il volontariato delle società del territorio. Quest’anno abbiamo vissuto da vicino la vicenda del Rugby Afragola che è stato privato improvvisamente della sua casa sportiva, e questo non può che suscitare un sentimento di profonda indignazione e sconforto”.

Foto e fonte: C.R. Comitato Campano Rugby / Gianclaudio Romeo

Pochi punti fermi e tanta determinazione nelle progettualità di Francillo per la provincia di Napoli, che intende alzare l’asticella dei lavori in corso sul territorio: “Le società napoletane avvicinano ogni anno migliaia di ragazzi nelle scuole grazie all’attuazione di lodevoli progetti quali “Rugby per Tutti”, “Sport e legalità” e “Rugby nei parchi” ad esempio – chiude il fiduciario – “Ma in effetti quanti di questi giovani restano veramente coinvolti nel movimento? Mi piacerebbe raccogliere le varie esperienze del territorio per trarre le indicazioni utili a limitare al minimo queste perdite. Solo condividendo le diverse esperienze possiamo crescere tutti”.

su Massimiliano De Falco

Rappresentante & Rugbysta.

Leggi anche...

Rugby: intervista a Giuseppe Casino – Delegato Provinciale Caserta

Nuovo appuntamento con la rubrica dedicata ai dirigenti del Comitato Regionale Campano della Federazione Italiana ...

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi