Home : Calcio Napoli : Udinese – Napoli: non si arresta la ‘pareggite’. E non si vince più

Udinese – Napoli: non si arresta la ‘pareggite’. E non si vince più

Il Napoli non sa più vincere, ma oggi almeno non ha perso. Ha giocato davvero male nel primo tempo, si è avvicinato alla sufficienza – e nulla più – nella ripresa. Continuando così nella ‘pareggite’ cronica senza saper più cosa significhi conquistare una vittoria. Situazione davvero preoccupante, per quello che potrà essere il futuro. E  nemmeno troppo lontano visto che tra pochi giorni si giocherà al San Paolo la gara decisiva per passare il turno in Champions.

Non si sa cosa possa dare la scossa ad una squadra svuotata e priva di idee. Che si scioglie alle prime difficoltà. Un gruppo che non sembra remare onestamente nella direzione giusta e a favore dell’allenatore. Per esempio il gol preso stasera da Lasagna è assurdo. Un contropiede che nasce dalla pineta di Castelvolturno e che si conclude senza opposizioni della retroguardia partenopea. Undici sagome di ghiaccio che lasciano a Fofana (che ha la velocità di un pachiderma) una prateria prima di servire l’assist al macchinoso centravanti bianconero che non crede ai sui occhi prima di fare secco l’incolpevole Meret.

Un primo tempo non giocato dal Napoli, anche stasera al Friuli abbiamo visto scarabocchiare calcio senza costrutto. Nel secondo tempo l’orgoglio ha fatto scattare un po’ la molla nella testa di calciatori appiattiti nelle gambe. Il gol fortunoso di Zielinski poteva rappresentare l’episodio della svolta. L’assedio c’è stato ma è stato anche stavolta infruttuoso. Meglio con Llorente in campo, la squadra ha alzato il baricentro e qualcosina ha costruito. Senza però mai impensierire veramente Musso.

Con il Genk, che per carità non è squadra da far paura, servirà una prestazione diversa. Almeno per salvare il salvabile ed andare avanti in coppa. Con la speranza che ci siano ancora i presupposti per recuperare in campionato. Con o senza questo allenatore, lo scopriremo nelle prossime settimane.

Tabellino gara:

Udinese (3-5-2): Musso; De Maio, Ekong, Nuytinck; Ter Avest (74′ Pussetto), Fofana, Mandragora, De Paul (84′ Barak), Stryger Larsen; Okaka, Lasagna (90′ Becao).  All.: Luca Gotti

Napoli (4-4-2): Meret; Di Lorenzo, Manolas, Koulibaly, Mario Rui; Callejon, Fabian, Zielinski, Insigne (46′ Llorente); Mertens, Lozano (62′ Younes). All.: Carlo Ancelotti.

Arbitro: Maurizio Mariani (Aprilia)

Marcatori: 32′ Lasagna (U), 69′ Zielinski (N)

Ammoniti: De Paul, Fofana, Okaka (U) Mertens, Callejon, Mario Rui (N)

Espulso: all’ 80′ Maksimovic (N) dalla panchina.

su Vincenzo Rea

Direttore Responsabile

Leggi anche...

Il Napoli domina nelle occasioni, ma la follia di Ospina regala i 3 punti alla Lazio

Sembra proprio un’annata storta per il Napoli quella di quest’anno. La sintesi della stagione partenopea ...

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi