Home : Calcio Napoli : Le frecce di Cupido – Esordio coi fiocchi per Ancelotti in Europa League, poco Zurigo

Le frecce di Cupido – Esordio coi fiocchi per Ancelotti in Europa League, poco Zurigo

Le frecce di Cupido – Esordio coi fiocchi per Ancelotti in Europa League, poco Zurigo

I saluti di Hamsik nel giorno di San Valentino, i tafferugli fuori lo stadio che non fanno bene al calcio, il minuto di silenzio per la tragica scomparsa di Emiliano Sala e poi gli applausi scroscianti del Letzigrund che apre l’andata dei sedicesimi di Europa League del Napoli, dove Carlo Ancelotti è all’esordio assoluto. Non parlate di transizione, il mister di Reggiolo e la sua banda adesso sono figli di un’Europa minore, ma non per questo c’è da restare delusi. La delusione non abita da queste parti, il Napoli si è davvero stancato di partecipare soltanto e il suo allenatore non l’ha mai fatto. Manca Albiol, qualche problemino anche per Mertens (in tribuna), ma non manca autorevolezza alla prima, l’attacco fa il suo dovere, Insigne ringrazia Milik, Callejon è un trascinatore, Zielinski diventa (finalmente) cattivo. A meno di clamorose sorprese, il passaggio agli ottavi può dirsi cosa fatta.

NAPOLI

MERET 6.5: nel primo tempo sbriga la normale amministrazione, e anche meno. Lavora in uscita nel secondo tempo, con una paio di prese sicure. Non intuisce il rigore, ma chiude la porta a Khelifi sul gong.

MALCUIT 6.5: ha ripreso a dominare sulla fascia destra dove fa letteralmente ammattire il dirimpettaio Kharabadze che ha arrancato ad ogni sua volata.

MAKSIMOVIC 5.5: balbetta all’inizio, quando fra l’altro commette un paio di leggerezze sanguinose. Cresce alla distanza, ma è di nuovo leggero in area, procurando il rigore a Kololli.

KOULIBALY 6: solita prestazione sicura, di sostanza. Anche se concede troppo spazio nel finale agli attaccanti di casa.

GHOULAM 6: ci sono i margini per spingere con una certa continuità, ma la gamba spesso gira a vuoto.

76° LUPERTO 6: in difesa non deve impegnarsi più di tanto. Allora va a proporsi al cross e alle aperture in area avversaria.

CALLEJON 7: quando è in condizione non ce n’è per nessuno: trova il gol partendo dalla sua metà campo prima di uccellare Brecher sul primo palo. Grande trascinatore.

ALLAN 6: rispetta il copione di giornata. E allora a livello di quantità c’è solo da applaudire. Tra gli svizzeri latita la qualità, il brasiliano azzurro lascia i giochini in valigia.

59° DIAWARA 6: entra bene, convinto. Legge in anticipo le intenzioni della mediana svizzera, ed è puntuale nelle chiusure.

RUIZ 6.5: sontuoso, elegante ad ogni appoggio, cattivo se serve. Personalità da vendere, regia rassicurante, lucido in fase d’appoggio.

ZIELINSKI 7: il Napoli cresce quando sale in cattedra, quando il gioco si fa duro calamita il pallone e lo insacca con tutta la rabbia che ha in corpo.

INSIGNE 6.5: grazie a Milik mette in mostra il suo sorriso migliore e la sua dedica d’amore per la moglie Jenny dopo il gol che apre le danze. Poi si fa apprezzare in ripiegamento. Generoso.

68° OUNAS 6: l’impatto è anche buono, punta sistematicamente l’avversario ma si incaponisce troppo nelle azioni personali.

MILIK 6.5: tiene impegnata praticamente da solo l’intera difesa dello Zurigo, approfitta di un controllo difettoso di Brecher ed è rapace ad accalappiare il pallone che Insigne deve solo appoggiare in rete. Si mette in proprio, ma è poco fortunato contro il portiere svizzero.

ANCELOTTI 6.5: basta un tempo (il primo) al Napoli per avere ragione di uno Zurigo più debole in tutti i reparti. Un motivo di arrabbiarsi lo trova comunque, perché i suoi ragazzi decidono di uscire prima dal campo.

FC ZURIGO (3-4-2-1) – BRECHER 6.5; NEF 5.5, BANGURA 5.5, MAXSOE 5; UNTERSEE 5, KRYEZIU 5.5, DOMGJONI 5 (46° MARCHESANO 6), KHARABADZE 5; WINTER 5.5(67° CEESAY 5.5), KOLOLLI 6.5; ODEY 5 (KHELIFI sv). All: MAGNIN 6.

Foto: rete internet

su Andrea Fiorentino

Napoletano, cronista "seriale" di sport, cultura & spettacolo, artigiano di suoni, musicista e amante della parola scritta

Leggi anche...

Occasioni a raffica, un gol a testa. Napoli, la qualificazione è rimandata

Occasioni a raffica, un gol a testa. Napoli, la qualificazione è rimandata. Lozano torna Chucky, ...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi